Trampoli

Teatro dell’Albero 

SEMINARIO SULLA TECNICA DEI TRAMPOLI

  • Costruzione (scarica le schede).
  • Lavoro a terra: riscaldamento, aperture, alzate, equilibri, disequilibri, sequenze ritmiche.
  • Sui trampoli: esercizi di base per camminare, dissociando la parte bassa dalla parte alta.
  • Slanci, in avanti, laterali, dietro, incroci, passi segmentati, piroette senza e con salto.
  • Salti, sequenze saltate, discese e risalite, con il bastone, con l’aiuto del compagno.
  • Esercizi a coppie.
  • Lavoro avanzato: salti col bastone, montaggio di sequenze.
 Portare: ginocchiere, gomitiere e polsiere  (set per i pattini).

Consiglio di leggere: TRAMPOLI – autore: Tommaso Correale Santacroce – editrice: Titivillus

Di trampoli ne esistono tanti, diversi tra loro, trattati e usati in modo diverso. Vi sono persone, più o meno giovani, che salgono sui trampoli con molta incoscienza, ignorando l’esperienza accumulata negli ultimi decenni. I trampoli, nel teatro di strada, sono un elemento insostituibile: colpiscono lo spettatore e soprattutto gli permettono di vedere ciò che accade. Contrariamente a quello che, a prima vista, possiamo pensare, i trampoli sono il risultato di un lavoro preciso e personale. Sono dei: “ pezzi di legno “, raffinati, adeguati a svolgere un compito che mette a dura prova i nostri sensi. Si arriva, con la pratica, a fare delle sequenze difficili, da virtuosi; in realtà, per l’attore il compito è esattamente l’opposto: il trampoliere deve scomparire lasciando il posto all’attore. Dunque i trampoli, sono un mezzo, non il fine.

Mario Barzaghi


Scheda costruzione trampoli